BLOG

Home/BLOG

BLOG DON BOSCO AMICO

Auguri per il 2020

Cari Amici,
“Ero affamato e mi avete dato da mangiare…”. Che Gesù vi dia tutta la gioia che Lui è venuto a portare a quelli che lo hanno voluto incontrare nelle tante Betlemme di tutto il mondo.

“Date molto ai poveri, se volete diventare ‘ricchi’. Date e vi saràdato”. (Don Bosco)

Il 26 dicembre, ho avuto la gioia di trascorrere uno dei più bei Natali della mia vita. Con due amici ed alcune suore che si recano regolarmente in visita agli ammalati ed ai più poveri dei poveri, mi sono addentrato nella baraccopoli. 9 km a piedi. Ciascuna delle suorine portava sulle spalle un sacchetto di 20 kg contenente farina, fagioli, un po’ di zucchero e…

La prima visita è ad una povera baracca che un mese fa ha preso completamente fuoco. Dentro c’è il papà con tre bambini. La mamma è scappata con un altro uomo. Dopo l’incendio, i vicini, con fango e rami, hanno rimesso insieme la povera capanna accostata ad altre due. Le lamiere bruciacchiate ed arrugginite, riparano in qualche modo. C’è tanta tristezza tra queste pareti buie. La luce entra solo dalla porta, perché non ci sono finestre. Il papà non ha un lavoro fisso e cerca di trovare qualche cosa ogni giorno, perché i suoi figli non muoiano di fame. Quale futuro per questi bambini immersi in questo inferno, in cui centinaia di migliaia di persone sono state segregate dalla indifferenza e malvagità umana? Eppure questo papà ed i bambini hanno il coraggio di sorridere ed ammiro queste suore che insieme con loro esprimono la loro gioia con un canto natalizio. Devo sorridere e cantare anch’io, anche se avrei una gran voglia di piangere… In un piccolo sacchetto la suora dà alcune caramelle alla bambina più piccola. E lei, un tesoro di 4 anni, infila la manina e tutto quello che riesce a tirarvi fuori lo dà alla sorella ed al fratello. È così contenta di distribuire… Chi l’ha educata a tanta generosità?

Non possiamo fermarci… tanti altri ammalati e poveri ci aspettano… Non so come si fa a spiegare la gioia, ma la scopro in questa bambina ed in queste suore che hanno fatto della loro vita un dono e riescono a comunicare una gioia incontenibile.

Che questa gioia diventi e sia sempre anche la vostra gioia.
Buon Anno a voi ed a tutti i vostri cari!
d. felice                                 gennaio 2020
Dona il tuo 5 x 1000 A: 92058150050 “Don Bosco Amico – Onlus”

S. Natale 2019


Caro benefattore,
questo Gesù che ancora nasce in mezzo a noi, è quello che lei aiuta nella povertà dei nostri bambini e giovani. Che il sorriso di questo Bambino diventi gioia e serenità, in questo Natale e per sempre, per lei e per la sua famiglia.

“A Dio non piacciono le cose fatte per forza. Egli vuole che tutto si faccia per amore”.

(Don Bosco)

Le voglio raccontare la storia di un Gesù Bambino di Nairobi. Lo chiamiamo “Gesù” per nascondere il vero nome. Ha 7 anni ed ha 2 fratelli di 8 e 4 anni ed una sorella di 7 mesi. Il papà lavora, quando riesce, come aiuto muratore, a 4 Euro il giorno. Ma sono di più i giorni in cui nessuno ha bisogno di lui. La mamma bada ai bambini e, quando può, lava i panni di qualche famiglia più abbiente che le dà “anche” 2 Euro il giorno. Quindi, nella buona sorte, possono contare su 1 Euro a testa per sopravvivere.
Vivono tutti e 6 in una baracca di lamiera di 9 metri quadri, in una baraccopoli di Nairobi, chiamata Mathare. Pagano 20 Euro il mese di affitto. Nella baracca ci sta un lettino, un catino ed un bidone da 20 litri per l’acqua, alcune pentole ed una stufetta a kerosene per cucinare. L’acqua la comprano a bidoni da 20 litri, a 20 centesimi il bidone. Se vanno al gabinetto devono pagare 5 centesimi ogni volta. La doccia se la fanno nella baracca, facendo uso della bacinella. Fuori la sporcizia si calpesta, si vede e si annusa dovunque. Le lamiere di una baracca sono le stesse che formano la baracca del vicino. Tutti sono allo stretto e “Gesù” non sa nemmeno cosa voglia dire avere uno spazio per giocare.
La mamma, che sopravvive per i figli, ci ha chiesto di accogliere “Gesù”. Con lei abbiamo accolto Gesù Bambino e lei, con i suoi gesti di amore concreto, ci aiuta a farlo crescere sano e buono.
Grazie di tutto cuore e …

Buon Natale e Buon Anno a lei ed alla sua famiglia!

d. Felice
Per donare il tuo 5 x 1000:
P.IVA: 92058150050 “Don Bosco Amico–Onlus”

Per una donazione in denaro:
C/C Bancario – Banca d’Asti
codice IBAN: IT60J0608547 710000000021762

Beneficiario: Don Bosco Amico Onlus
Nella causale del pagamento, scrivi: don Felice Molino, sdb P.O. Box
44854 Nairobi – Kenya

 

DonBosco Amico, le origini

Questa foto risale a molti anni fa, quando Don Bosco-Amico aveva in Kenya 4 “opere” (oggi sono oltre 20!). Ritrae l’allora rettore maggiore dei Salesiani d. Egidio Viganò in visita a Embu.